CAPITOLO XXIII

by Emine Fougner. – Anastasia e Christian.

Racconto basato “Cinquanta Sfumature di Grigio” di E.L. James. Traduzione a cura di Fifty Shades Italy. Vietata la riproduzione anche parziale. All rights reserverd.

Durante la lettura potrebbero esserci evidenziati dei link “Soundtrack” che rimandano a delle canzoni. Vi consigliamo di aprirli per entrare appieno nell’atmosfera delle situazioni, continuando ad immergervi nelle parole della storia con un sottofondo da noi consigliato.

capitolo23

Ansia da separazione

Soundtrack

Dopo che Anastasia se ne è andata, chiamo Taylor nel mio studio.

“Sì, signore,” risponde educatamente.

“Taylor, voglio che rintracci la compagnia con la quale Miss Steele sta per acquistare il suo biglietto. Non m’importa come. Che tu lo faccia rintracciando la sua carta di credito o che lo faccia con il suo laptop …” dico determinato con lo sguardo fisso.

“Ho predisposto un accesso per lei, nel suo computer, signore. Sono sicuro che posso controllare in che sito andrà e da quale compagni acquisterà i biglietti,” dice fiducioso.

“Fantastico!” dico già nervoso. Perché dev’essere così difficile prendersi cura di lei? E’ la mia donna dannazione! Perché non posso prendermi cura di lei? Perché è così reticente quando si tratta di accettare il mio aiuto? Io mi prendo cura di ciò che è mio.

“Una volta trovata la compagnia, avuto le informazioni sul volo e sulla prenotazione, voglio che tu chiami la compagnia e modifichi il suo biglietto in prima classe, la metta vicino al finestrino e prenoti il posto accanto a lei. Voglio che abbia spazio,” dico.

Taylor resta impassibile, ma vedo una nota di divertimento nei suoi occhi per un secondo.

“Si, signore. Altro, signore?”

“Sì, ho bisogno che mi accompagni al lavoro. Devo andare in ufficio per un po’ oggi. La mia assistente avrebbe dovuto organizzare una sessione d’allenamento con Claude Bastille. Scopri per quando l’ha programmata Andrea prima di uscire. Fammelo sapere via sms non appena lo sai, e vieni a prendermi. Ho bisogno di allentarmi oggi!” dico esasperato. “Ho delle riunioni, ma di’ a Claude di aspettare. Possiamo allentarci nella palestra dell’azienda o all’Escala dipende dall’ora in cui è previsto. Partiamo per le 13:00,” dico.

“Sì, signore. La informerò non appena avrò le informazioni sul volo di Miss Steele,” dice annuendo rispettosamente.

Sta per uscire dal mio studio, ma vedendo la mia preoccupazione torna indietro per chiedermi qualcosa.

“Vuole che rintracci il telefono di Miss Steele, per sapere dove si trova?” Ci penso per qualche secondo.

“No…” dico esitante, ma aggiungo, “No, mi ha detto che mi avrebbe fatto sapere non appena avrebbe finito i colloqui. Non c’è nulla da scoprire finché non trova lavoro.”

“Si, signore,” risponde, lasciando poi il mio studio.

Penso ad Anastasia, e perché vuole prendere le distanze da me. Credo che sarà un periodo difficile durante la sua assenza. Merda! Se n’è andata solo da un’ora e sento già terribilmente la sua mancanza. Devo controllare la mia e-mail prima di andar fuori di testa . Ce n’è una di Elena.
_____________________________________________
Da: Elena Lincoln
Oggetto: Cena?
Data: 30 Maggio 2011 10:12
A: Christian Grey

Ciao Christian,

Hai tempo, per la nostra cena? Non ti vedo da parecchio. La tua nuova sottomessa sembra molto interessante. Mi piacerebbe sentire qualcosa su di lei. Chiamami. Ci vediamo dopo.

Elena
_____________________________________________

Pensandoci, dal momento che Anastasia è fuori città domain sera, non ho programmi e sarei libero, potrei vedere Elena per cena.
_____________________________________________
Da: Christian Grey
Oggetto: Cena?
Data: 30 Maggio 30 2011 12:48
A: Elena Lincoln

Elena,

La mia agenda è libera per domani sera. Ci vediamo alle 20:00 al nostro solito posto?

Christian Grey
Amministratore Delegato, Grey Enterprises Holdings Inc.
_____________________________________________

Premo invio. La mia mente va verso Anastasia. Voglio parlare di lei ad Elena. Anastasia mi ha completamente rapito. E’ un enigma per me, è come forza vitale, il pensiero di perderla mi fa paura. Posso parlare ad Elena dei miei sentimenti. Mi conosce da tanto tempo, e potrebbe aiutarmi a risolvere questo disagio che ho per Anastasia. Sono pronto per andare al lavoro, ho un appuntamento con il team di progettazione. Mi piace avere le mani in pasta ovunque e avere il controllo in tutto quello che faccio, che si tratti delle mie acquisizioni, o dei prodotti che la mia squadra realizza. Voglio fare parte di qualsiasi cosa, e avere voce in capitolo su qualsiasi cosa venga fatta nella mia azienda. Ho sempre tutto sotto controllo, sono io che prendo tutte le nuove decisioni. Mi piace la mia autonomia. E’ la cosa che apprezzo più di altre. Ho lavorato così duramente per raggiungerla, infatti, negli ultimi sette anni, non ho dovuto giustificarmi con nessuno, e ho sempre fatto quello che desideravo. Non lascerei mai andare quella libertà. Ma, tutti i buoni propositi si spengono quando si tratta di Anastasia. Lei mi disarma a un ritmo allarmante. Mi fa paura la vita al di fuori di me. La desidero, ma devo combattere contro di lei, perché lei è fuori da qualsiasi regola. Questo potrebbe non andar bene per la mia autonomia! Cazzo! Che rebus!

Non so dare un nome alle emozioni e ai sentimenti che sento per lei. Questo è qualcosa che ho evitato tutta la mia vita. Ho perso il senno della ragione con lei. Ma d’altra parte, lei è diventata la mia ragione di essere … di esistere. Quando lei è qui, questo è tutto quello che vedo, tutto quello che voglio, tutto quello che voglio provare. Lei è mia! Che cosa succederebbe se incontrasse qualcuno in Georgia? Merda! Merda! Merda! Se ne andrà un’intera settimana! Se è successo a me di essere attratto da lei dalla prima volta, potrebbe succede anche a qualcun altro. Non sono mai stato così vicino a nessun’altro. Sono preoccupato … Appena mi allontano, un qualsiasi stronzo potrebbe avvicinarsi a lei. Passeggio nervosamente nel mio studio. Ho bisogno di allontanare queste preoccupazioni oggi. Un paio d’ore con Claude Bastille dovrebbero alleviare un po’ la mia frustrazione e fornirmi la distrazione di cui ho bisogno

***

Soundtrack

Arrivo in ufficio, Andrea e la stagista si alzano. Ultimamente non ho incontri faccia a faccia, ma io sono sempre presente con altri mezzi a causa del mio “controllo maniacale”, come direbbe Miss Steele. Io sono il capo, responsabile del mio destino, a capo di quello che so.

“Il team di ingegneri e Mr. Barney sono nella sala riunioni, signore, con le loro proposte per il prototipo,” m’informa Andrea.

Quando entro nella stanza riunioni, tutti si alzano.

“Signore e signori,” dico salutando.

Barney prende il comando.

“Signore, il team di ingegneri ha portato una nuova interfaccia oggi, ma abbiamo voluto mostrarla a lei per avere il suo benestare,” dice.

“Diamo un’occhiata,” dico, entrando a pieno ritmo nella riunione. C’è qualcosa che ancora manca. Non voglio meno di un prodotto perfetto. Se vale la pena far qualcosa, deve essere fatto alla perfezione già dalla prima volta. Abbiamo una miriade di idee su come sfruttare l’energia pulita durante la creazione di un prodotto che dovrà funzionare perfettamente, ed è elegante. Prendo i loro schemi, e do il mio contributo. Questo non è ancora finito – non mi soddisfa completamente . Cercherò nei disegni. Una volta che questo incontro è finito, dovrò incontrare Marco per trenta minuti. Poi vedrò Ros per discutere della società che abbiamo deciso di liquidare. Ho il controllo in tutte queste attività, e sono padrone del mio destino. Mi piace. Il pensiero di non vedere Anastasia mi mette impazienza.

Quando esco dal mio ufficio, per l’allenamento con Claude Bastille, sono quasi le cinque. Taylor mi porta nella solita palestra dove solitamente mi vedo on Claude. Mi scaldo un po’, sollevo pesi, corro e faccio un po’ di cardio. Dopo di che io e Claude ci mettiamo di buon impegno per un’ora … molto duramente. Lui non si trattiene e io faccio altrettanto come se la mia vita dipendesse da questo. La sensazione che Anastasia stia lasciando la città, e sia lontano da me mi dà più carica. E Claude Bastille se ne rende conto.

“Sei indiavolato oggi!” mi dice.

“Sto recuperando gli allentamenti persi,” dico con fare passivo.

“Non so. E’ come se avessi una marcia in più,” continua.

“Beh, grazie,” dico, restando sempre passivo, “significa molto detto da te.”

Ci inchiniamo e poniamo fine al nostro allentamento .

“Domani stessa ora?” chiede.

“No, sarebbe meglio prima. La mia assistente ti chiamerà per farti sapere l’ora,” gli dico.

“Come vuoi Grey,” risponde, ci stringiamo la meno e vado all’Escala.

La prima cosa che faccio nell’arrivare a casa è sfilarmi i vestiti sudati e farmi una doccia. Indosso jeans e t-shirt, resterò a casa per il resto della serata. Quando esco dalla camera da letto, Mrs Jones, ha apparecchiato per me sul bancone.

“Cosa vuole bere Signore?” chiede.

“Sancerre per favore.”

“Sì, signore,” dice versandomi un bicchiere di vino.

Dopo aver finito la cena, mi dirigo verso il mio studio per dare un’occhiata ai progetti che ho avuto oggi. Non so ancora se rispondono a tutte le mie esigenze.

Stendo i progetti sulla scrivania e un flash improvviso mi riporta a questa mattina, con Anastasia, su questa scrivania, e il cuore si contrae per la sua assenza. Mi manca davvero tanto. E’ come se avesse portato via un pezzo di me. Non so mai cosa stia per dire o fare. Ma per quanto mi faccia paura, amo questa parte lei, perché mi tiene sempre sull’attenti.

Non voglio che esca dalla mia vita, non ho mai voluto nulla più di quanto voglio lei. Ho provato a cercare qualcosa nella mia testa che ho desiderato di più. Non ho trovato niente. Non ci sono altre donne che si avvicinino a lei. Non ho mai desiderato nessuno con la profondità e il trasporto con cui desidero lei. Non mi sono mai sentito così, e non ho mai avuto paura di perdere una qualsiasi delle donne con cui sono stato. Se rompevo con una di loro, ci sarebbe stata qualcun’altra di pari livello o superiore. Non ho mai potuto pensare questo di Anastasia. Lei non ha eguali, perché è la mia anima mancante, lei mi soddisfa non solo sessualmente, anche se Dio sa che è una ragione sufficiente, ma lei diventa la mia coscienza, la mia ragione, la mia vita.

La profondità del sentimento che provo per lei è al di là di tutto quello che immaginavo – mi fa paura. E’ un bene per me sentirmi in questo modo? Avere il controllo in ogni aspetto della mia vita è stato estremamente utile per me. Voglio perdere tutto ciò che ho imparato nel corso degli anni per una ragazza? Per un breve momento, cerco di contemplare un futuro senza di lei, e tutto ad un tratto mi sento come se mi stessi dissanguando lentamente, come se stesse sopraggiungendo la morte … atrocemente, dolorosamente. Anche il solo pensiero ipotetico mi fa star male, non mi fa respirare! Mi aggrappo alla scrivania. Sento il ding familiare della mia e-mail. Alzo lo sguardo, e grazie a Dio, è da parte di Anastasia!
_____________________________________________
Da: Anastasia Steele
Oggetto: Colloqui
Data: 30 Maggio 2011 18:48
A: Christian Grey

Caro Signore,

i miei colloqui sono andati bene oggi. Ho pensato che avresti voluto saperlo.
Com’è andata la tua giornata?

Ana
_____________________________________________

Rileggo il semplice messaggio molte volte. Trattengo il respiro e penso che lei è a pochi chilometri di distanza, ancora in città, ed è interessata alla mia giornata e inoltre mi rende partecipe delle sue attività. Mi riprendo. Digito la mia risposta una volta ripreso il controllo di me stesso.
_____________________________________________
Da: Christian Grey
Oggetto: La mia giornata
Data: 30 Maggio 2011 19:02
A: Anastasia Steele

Cara Miss Steele,

Tutto di te mi interessa. Sei la donna più affascinante che conosca. Sono contento che i tuoi colloqui siano andati bene. La mia mattinata è stata oltre le mie aspettative Per quanto riguarda il pomeriggio è stato abbastanza noioso al confronto

Christian Grey
Amministratore Delegato, Grey Enterprises Holdings Inc.
_____________________________________________

Digito invio. La sua risposta arriva in pochissimi minuti.
_____________________________________________
Da: Anastasia Steele
Oggetto: Bella Giornata
Data: 30 Maggio 2011 19:04
A: Christian Grey

Caro Signore,

Questa mattina è stata esemplare anche per me, nonostante il fatto tu abbia sclerato dopo il nostro impeccabile sesso sulla scrivania. Non pensare che non l’abbia notato. Grazie per la colazione. O ringrazia Mrs Jones da parte mia.
Vorrei chiederti qualcosa su di lei, senza che tu scleri di nuovo.

Ana
_____________________________________________

Due cose nuove per me: La prima è il sesso impeccabile. Con cosa lo sta paragonando? Lei non ha avuto altri partner, giusto? Sarà meglio di no! E il suo interesse per la Mrs Jones. Si sono dette qualcosa stamattina? Cos’è questa curiosità per Mrs Jones?
_____________________________________________
Da: Christian Grey
Oggetto: Tu e l’editoria?
Data: 30 Maggio 2011 19:09
A: Anastasia Steele

Anastasia,

Sclerato e sclerare non sono termini che solitamente vengono usati da chi ambisce a lavorare in editoria. Impeccabile sesso dici? Paragonato a cosa, se posso chiedere? E cosa vuoi sapere su Mrs Jones? Sono curioso.

Christian Grey
Amministratore Delegato, Grey Enterprises Holdings Inc.
_____________________________________________

Premo invio. La sua risposta non è immediata come normalmente succede. Ecco il suono, mi sento sollevato. Ma il titolo della mail è decisamente fastidioso.
_____________________________________________
Da: Anastasia Steele
Oggetto: Tu e Mrs. Jones
Data: 30 Maggio 2011 19:18
A: Christian Grey

Caro Signore,

La lingua è un’entità organica che si evolve e cambia. Non rimane bloccata in una torre d’avorio, con costose opere d’arte che si affaccia sulla maggior parte di Seattle con un eliporto sul tetto.
Impeccabile – rispetto alle altre volte che abbiamo … qual è la parola che si usa … oh sì … scopato. A dire il vero qualsiasi scopata con te è stata estremamente impeccabile, a mio modesto parere. Ma sai ho un’esperienza molto limitata in quel campo.
Mrs Jones è una tua ex sottomessa?

Ana
_____________________________________________

Sono scioccato da quello che pensa di Mrs. Jones. E’ una donna rispettabile in ogni modo. Non ho mai avuto una relazione con lei, che vada oltre a quella professione! Certo che non è mai stata una mia sottomessa! Non assumo nessuno con cui ho fatto sesso. Anastasia sarebbe stata un’eccezione alla regola, ma visto quello che pensa, potrei anche ripensarci. Digito la risposta di fretta.
_____________________________________________
Da: Christian Grey
Oggetto: Linguaggio. Attenta a come parli!
Data: 30 Maggio 30 2011 19:23
A: Anastasia Steele

Anastasia,

Mrs. Jones è un’impiegata preziosa. Non ho mai avuto alcuna relazione con lei se non quella professionale. Non assumo nessuno con cui ho avuto una relazione o rapporti sessuali. Sono esterrefatto dal fatto che tu l’abbia solo pensato. Tu saresti stata l’unica per cui avrei fatto un’eccezione, perché sei una ragazza molto intelligente con ottime capacità di negoziazione. Comunque, se continuerai ad usare quel tipo di linguaggio, potrei anche riconsiderare l’offerta. Sono contento che la tua esperienza sia limitata. Dovrà continuare ad esserlo, limitata solo a me. Prenderò “impeccabile” come un complimento, anche se non so mai se lo è o no, o se usi il tuo senso dell’umorismo, come di solito.

Christian Grey
Amministratore Delegato, Grey Enterprises Holdings Inc. dalla sua torre d’avorio.
_____________________________________________

Premo invio, e aspetto la risposta. Non sono felice per quello che pensa su Mrs Jones.
_____________________________________________
Da: Anastasia Steele
Oggetto: Nemmeno per tutto il tè della Cina.
Data: 30 Maggio 30 2011 19:28
A: Christian Grey

Caro Mr Grey,

Penso di aver già espresso le mie riserve sulla possibilità di lavorare nella tua azienda. La mia idea non è cambiata, e non cambierà. Mai. Devo lasciarti, Kate è tornata con il cibo cinese. Io e la mia ironia ti auguriamo la buonanotte.
Ti contatterò quando arriverò in Georgia.

Ana
_____________________________________________

La sua risposta mi fa sorridere.
_____________________________________________
Da: Christian Grey
Oggetto: Nemmeno per il Twinings English Breakfast Tea?
Data: 30 Maggio 30 2011 19:30
A: Anastasia Steele

Buonanotte Anastasia.
Spero che tu e la tua ironia facciate buon viaggio.

Christian Grey
Amministratore Delegato, Grey Enterprises Holdings Inc.
_____________________________________________

Taylor bussa alla porta del mio studio.

“Entra Taylor,” dico.

“Signore, ho le informazioni sul volo di Miss Steele,” dice.

“Okay. Hai aggiornato il volo?”

Sì, signore. Ora è in prima classe, ho inoltre acquistato il sedile vicino a lei,” si schiarisce la gola involontariamente, e solleva un sopracciglio, “per darle più spazio,” dice guardandomi.

“Che sedile?”

“Finestrino, signore, e quello vicino a lei sarà vuoto.”

“A che ora parte?”

“Alle 22:30, signore,” controlla l’ora sull’orologio, “tra meno di due ore dovrebbe essere in volo.”

“Fantastico! Come programma per domani,” dico e gli illustro quello che dovremo fare. Sono nervoso, irritato per qualche ragione. Mi rendo conto che sto muovendo la gamba come segno di nervosismo

Taylor deve essersene accorto. Chiede freddamente, “andrò in palestra ad allenarmi, signore. Vuole farlo anche lei stasera? Stavo pensando di fare un po’ di MMA. Se desidera, possiamo allenarci insieme. Se deve lavorare e non ha bisogno di me sarò in palestra per un paio d’ore, signore,” dice.

“Ti raggiungerò lì. Ci vediamo tra dieci minuti,” dico congedandolo.

“Sì, signore,” dice uscendo dal mio studio.

***

Soundtrack

Più di un’ora dopo, torniamo al mio attico, allenati, i miei muscoli un po’ doloranti per gli sforzi dei movimenti MMA. Faccio una doccia mi vesto, e torno al mio studio. C’è un sacco di lavoro che devo finire, per non parlare dei disegni che il team di ingegneri mi hanno dato. Mi passo le mani tra i capelli bagnati, anche se volessi che fosse Miss Steele a farlo. Parlando del diavolo, le mie e-mail fa quel famigliare suono e trovo una sua mail.

_____________________________________________
Da: Anastasia Steele
Oggetto: Gesti stravaganti
Data: 30 Maggio 2011 21:52
A: Christian Grey

Caro Mr Grey,

Sono allarmata dal fatto che sapevi su quale volo fossi senza che io ti avessi detto nulla. Sai che il tuo stalking non ha limiti? Speriamo solo che il dottor Flynn sia tornato dalla sua vacanza.
Ho avuto una manicure, un massaggio alla schiena, e due bicchieri di champagne: niente male come inizio della vacanza. E devo ringraziare te per tutto.

Ana
_____________________________________________

E’ un po’ agitata, ma mi prende in giro, ma è riconoscente, anche se con Anastasia è difficile dire quale sia il suo umore. Ha fatto un massaggio … Non so se mi piace. Massaggi eh? Che tipo di massaggio? Chi è stato a massaggiarla?
_____________________________________________
Da: Christian Grey
Oggetto: Prego
Data: 30 Maggio 2011 21:58
A: Anastasia Steele

Cara Miss Steele,

Il Dr. Flynn è tornato dalla sua vacanza: infatti ho un appuntamento questa settimana. Chi ti ha massaggiato la schiena?

Christian Grey
Amministratore Delegato con amici nei posti giusti Grey Enterprises Holdings Inc.
_____________________________________________

Invio e aspetto che lei risponda. Passano 20 minuti, e nessuna risposta. Sta facendo più di un massaggio? Cristo! Quanto tempo ci vuole per un massaggio in un aeroporto?
_____________________________________________
Da: Anastasia Steele
Oggetto: Mani forti ed esperte
Data: 30 Maggio 30 2011 22:23
A: Christian Grey

Caro Signore,

Un giovane ragazzo, dolce e gradevole mi ha massaggiato la schiena. Sì, è stato molto piacevole. Devo ringraziare te per il mio incontro con Jean-Paul che non avrei incontrato nelle partenze economy. Quindi, grazie ancora una volta. Non so se mi sarà permesso inviare mail una volta decollati e necessito di riposare, visto che non ho dormito molto ultimamente.

Ana
_____________________________________________

Ma che cazzo? Che cosa sta cercando di fare? Vuole farmi ingelosire? Beh, ci è riuscita. Oh piccola, non posso fare nulla per ora, ma aspetta che ti metta le mani addosso! Io so cosa farei con quella tua bocca.
_____________________________________________
Da: Christian Grey
Oggetto: Divertiti finché puoi
Data: 30 Maggio 30 2011 22:26
A: Anastasia Steele

Cara Miss Steele,

So cosa stai cercando di fare, e credimi quando ti dico che ci sei riuscita. Dal momento che è così, la prossima volta viaggerai nella stiva, legata, imbavagliata e in una cassa. Credimi quando ti dico, che vederti in quello stato, mi darebbe un piacere maggiore rispetto al pagarti un biglietto di prima classe.
Aspetto il tuo ritorno

Christian Grey
Amministratore Delegato, Grey Enterprises Holdings Inc. con la mano che prude.
_____________________________________________

Prendi e porta a casa Miss Steele! Quindi, sì vuole farmi ingelosire! Probabilmente non la sentirò finché non sarà atterrata ma sono un uomo paziente. Aspetterò. Ma in quattro minuti ecco il suono della mail? Ma che diavolo? Mi invia mail mentre è in volo rischiando la sua vita con la vita e quella di altri passeggeri?
_____________________________________________
Da: Anastasia Steele
Oggetto: Scherzando
Data: 30 Maggio 30 2011 22:30
A: Christian Grey

Christian, sai, non ho idea se sei serio o stai scherzando. E se sei serio, credo che me ne starò in Georgia . Le casse sono un limite assoluto per me. Scusa se sei arrabbiato. Dimmi che mi perdoni.

Ana
_____________________________________________

Oh, sono furioso con lei perché mi scrive in aereo! Non penso alla sua vita e a quella degli altri? La sua missione è farmi diventare ansioso?
_____________________________________________
Da: Christian Grey
Oggetto: Sto scherzando
Data: 30 Maggio 30 2011 22:31
A: Anastasia Steele

Perché mi stai scrivendo? Stai mettendo in pericolo la tua vita e quella degli altri passeggeri usando il suo Blackberry? Credo che questa cosa sia contro le nostre regole.

Christian Grey
Amministratore Delegato, Grey Enterprises Holdings Inc. con entrambe le mani che prudono.
_____________________________________________

Invio in fretta. Ero già in ansia per la sua partenza, e il suo disprezzo per la sua sicurezza aumenta i miei livelli di ansia di parecchie tacche. Sarà meglio che non mi scriva più finché non toccherà il suolo in Georgia! Cammino avanti e indietro nel mio studio per le successive due ore, mentre di tanto in tanto lancio un occhio alla mia casella di posta elettronica. Sembra che stia sfidando quell’oggetto inanimato a farmi vedere una mail di Anastasia. Come un braccio di ferro tra l’uomo e la macchina. E, infine, quando nessuna mail arriva, mi sento sollevato. Lei mi tiene su un precipizio, mi fa perdere la ragione anche a distanza comportandosi in modo tale che io mi preoccupi! Non so gestire le preoccupazioni! Non è un sentimento che conosco bene.

Solo quando la mia ansia si è placata decido di andare a letto. Cazzo! Che cosa sono, un bambino di tre anni? Perché ho questa ansia da separazione, allora? Il mio cuore soffre sapendo che lei è dall’altra parte del paese. Mi metto a letto ma il mio sonno è offuscato da sogni inquietanti su Anastasia.

8 thoughts on “CAPITOLO XXIII

  1. magnifico come sempre!!!!!!!!!!!complimenti !!!!!!!!!!!!!!e adesso con ansia aspetto il prossimo, ma non si può avere 2 pubblicazioni due capitoli per settimana e una lunga attesa fino a mercoledì……

  2. Ci sono riuscita! A leggere tutti i capitoli, Complimenti per il lavoro svolto fino ad esso, SEI SUPER sapere quello che pensa il nostro Christian, ci avvicina di più a questo personaggio. Aspetto con ansia il seguito. Grazie ancora. <3

  3. Sono “felice” per i “sogni inquietanti” di Christian, così impara ad essere così ansioso da sembrare soffocante 😉 😛 tuttavia mi é molto piaciuto questo continuo “battibecco” di e-mail scambiate… é molto carino e per una volta normale, come una coppia normale 😛 🙂 ^_^ <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*