CAPITOLO XX

by Emine Fougner. – Anastasia e Christian.

Racconto basato “Cinquanta Sfumature di Grigio” di E.L. James. Traduzione a cura di Fifty Shades Italy. Vietata la riproduzione anche parziale. All rights reserverd.

Durante la lettura potrebbero esserci evidenziati dei link “Soundtrack” che rimandano a delle canzoni. Vi consigliamo di aprirli per entrare appieno nell’atmosfera delle situazioni, continuando ad immergervi nelle parole della storia con un sottofondo da noi consigliato.

20

Fine di una punizione

Soundtrack

In un attimo, ritiro le dita, mi abbasso la cerniera, e la spingo indietro, facendola distendere sul divano; mi adagio su di lei.

“Metti le mani sulla testa,” ordino tra i denti digrignati dal troppo desiderio. La costringo ad aprire le gambe mentre cerco la bustina del preservativo nella tasca della giacca, continuando a guardarla con un’espressione oscura e salace. Scrollo le spalle e la giacca cade sul pavimento. Srotolo il preservativo sulla mia erezione.

Poi le alzo le braccia, in modo che le mani siano sulla sua testa. E’ così piena di desiderio per me, i suoi occhi non mi lasceranno per un momento, e appena sono pronto a prenderla, lei alza i suoi fianchi per incontrare la mia erezione, in un gesto di benvenuto, e io affondo in maniera dura e forte. Anche lei non vede l’ora, ma non le è permesso venire. Con una spinta veloce, sono completamente dentro di lei, facendola gemere, per lei è un piacere avermi dentro di sé. Metto le mani sulle sue, sulla sua testa, le mie gambe la tengono ferma. La intrappolo sotto di me; sono dappertutto, la prendo, la consumo, e non è abbastanza. La voglio così tanto che fa quasi male. Mi muovo velocemente e furiosamente dentro di lei, respiro in modo accelerato vicino al suo orecchio, con il suo corpo che risponde, mi accoglie, mi desidera, e si gode la sensazione. Lei mi viene incontro, spinta dopo spinta, come se fossimo sincronizzati, in un’armonia perfetta. Mi sento trionfante per la mia conquista, e aumento ancora di più la mia velocità, spingo dentro di lei ancora una volta prima di trovare la mia liberazione, mi immobilizzo mentre respiro attraverso i denti. Mi rilasso solo per un minuto, ancora dentro di lei, con il mio peso sostenuto da lei che è ancora sotto di me. Ma riesco a sentire che sta provando a dimenarsi, e si muove così da poter raggiungere anche lei l’apice, ma non glielo permetterò. Voglio che sia frustrata, proprio come lei mi fa sentire quando non mi parla, quando mi nega ciò che è mio, e quando si fa desiderare giorno e notte.

Esco da lei nell’istante in cui mi guarda con una fame di me quasi dolorosa. La fisso.

“Non toccarti. Ti voglio frustrata. E’ quello che mi fai quando non parli con me, quando mi neghi ciò che è mio,” sibilo, e i miei occhi ardono mentre la rabbia aumenta di nuovo dentro di me. Lei annuisce in risposta. Mi alzo, mi tolgo il preservativo e ne lego l’estremità. I miei occhi sono su di lei. Lei mi fissa, il suo respiro è ancora accelerato dato che non ha trovato la sua liberazione, è frustrata; stringe forte le cosce, senza sollievo. Richiudo la cerniera, mi passo una mano tra i capelli e prendo la giacca dal pavimento. Quando mi giro per guardarla di nuovo, mi sento molto meglio, e vederla mi addolcisce l’espressione.

Soundtrack

“E’ meglio se torniamo in casa,” dico, mentre lei si mette a sedere nel tentativo di ritrovare l’equilibrio.

Le porgo la biancheria intima che era nella mia tasca. “Tieni. Potresti indossarle,” dico, sapendo che se l’è guadagnate. Le prende solennemente e se le infila. In quell’istante, sentiamo, “CHRISTIAN!” E’ Mia che grida il mio nome dal piano di sotto.

Mi giro a guardare Anastasia con le sopracciglia inarcate, irritato da mia sorella.

“Giusto in tempo. Cristo! Sa essere molto irritante.”

Anastasia mi guarda torva, provando a sistemarsi le mutandine, il vestito e a domare i suoi capelli da dopo-sesso. Una volta che è in ordine, “Qui sopra, Mia,” la chiamo.

“Beh, Miss Steele, mi sento un po’ meglio per questo, ma voglio ancora sculacciarti,” dico a voce bassa.

“Non credo di meritarlo, Mr. Grey, soprattutto dopo aver tollerato il tuo attacco immotivato,” dice ferendomi.

“Immotivato? Tu mi hai baciato!” dico sconvolto, apparendo ferito. Lei increspa le labbra.

“E’ solo perché l’attacco è la miglior difesa,” sussurra con fervore con gli occhi spalancati.

“Ti prego, dimmi, difesa contro cosa?” chiedo incredulo.

“Te e le tue mani che prudono,” risponde con la sua lingua tagliente. Inclino la testa di lato e le sorrido alla fine quando Mia arriva dalle scale.

“Ma è stato tollerabile?” le chiedo sottovoce. Lei arrossisce in risposta, “Appena,” sussurra.

“Oh eccovi qui!” ci dice Mia in modo raggiante.

“Stavo facendo fare un giro ad Anastasia,” dico, tendendo la mano verso Anastasia e guardandola con occhi intensi. Anastasia mette la sua mano sulla mia, e la stringo leggermente, mentre l’elettricità che produce la nostra connessione inizia a fluire.

“Kate ed Elliot stanno andando via. Riuscite a crederci a quei due? Non riescono a trattenersi dal mettersi le mani addosso,” Mia chiacchiera con un finto disgusto stampato sul viso e poi guarda me e Anastasia.

“Cosa stavate facendo qui?” chiede schiettamente, parla sempre troppo, troppo in fretta e senza filtri, e fa arrossire Anastasia. Forse la parte del cervello di mia sorella che censura ciò che dice è mancante.

“Stavo mostrando ad Anastasia i miei trofei di canottaggio,” dico senza perdere un colpo, e senza dar nulla a vedere. Poi mi giro verso Anastasia e dico, “Andiamo a salutare Kate ed Elliot.”

La spingo gentilmente d’avanti a me, e appena mia sorella lascia la stanza, colpisco il didietro di Anastasia che resta sorpresa della mia azione.

“Lo rifarò, Anastasia, e presto,” la minaccio, sussurrandoglielo all’orecchio, poi la tiro tra le mie braccia, il mio petto contro la sua schiena, e le bacio i capelli.

Quando torniamo in casa Kate ed Elliott stanno salutando i miei genitori. Kate abbraccia forte Anastasia mentre io stringo la mano a mio fratello. Si sussurrano molte cose all’orecchio. Dopo che se ne sono andati, mi giro verso Anastasia e le dico, “Dovremmo andare anche noi. Hai due colloqui domani.”

Mia sorella ovviamente abbraccia Anastasia mentre salutiamo. Per aumentare ancora di più l’imbarazzo, dice, “Pensavamo che non avrebbe mai trovato qualcuno!” Abbi fiducia in me! Alzo gli occhi al cielo mentre Anastasia arrossisce di nuovo, diventando più rossa della bandiera cinese. Increspa le labbra verso di me per qualche ragione.

“Abbi cura di te, Ana cara,” dice mia madre dolcemente ad Anastasia.

Sono completamente rapito dall’attenzione data alla mia donna. E’ incredibile come riesca a disarmare la gente con poco o addirittura senza sforzo. Non è giusto. Tutti sono catturati e sedotti da lei. Prendo la mano di Anastasia e la attiro al mio fianco.

“Con tutto questo affetto finirete per viziarla o per farla spaventare e scappare via,” brontolo.

“Christian, smettila di prenderci in giro,” mi richiama mia madre. Chi è che prende in giro? Lei già non mi obbedisce. Non ha un singolo osso obbediente, e non è una brava sottomessa, e nonostante tutto, mi ha catturato più di quanto qualsiasi altra cosa mi abbia mai catturato. Darle ancora più attenzioni sarebbe a mio discapito. Mia madre chiaramente mi vuole bene – e di questo mi sento indegno. Sono incasinato, fottuto, e non sono degno del suo amore, ma in qualche modo lei prova dell’affetto per me. Mi abbasso e la bacio anche se in imbarazzo.

“Mamma,” dico in tono reverenziale. Questa è la donna che mi ha salvato la vita. Come potrei non riverirla? Ma, comunque, mi sento indegno di tutto ciò che lei ha fatto per me.

“Mr. Grey, arrivederci e grazie,” Anastasia dice allungando la mano verso mio padre che in risposta la abbraccia!

“Ti prego, chiamami Carrick. Spero che ci vedremo di nuovo, molto presto, Ana,” dice. Cosa sta facendo a tutti e come fa a farlo così facilmente?

Soundtrack

Dopo i saluti, conduco Anastasia all’auto dove Taylor ci sta aspettando. Apre la portiera per Anastasia, e lei si infila sul sedile posteriore del SUV. Parlo velocemente con Taylor e gli chiedo di infilarsi le cuffie dell’iPod in modo da avere un po’ di privacy mentre parlo con Anastasia. Entro in auto di fianco a lei, e affronto la mia donna.

“Beh, sembra che tu piaccia anche alla mia famiglia,” mormoro stupito.

Anastasia mi fissa con aria interrogativa. Improvvisamente il suo viso assume un’espressione strana, causata da qualche pensiero. Non so a cosa sta pensando o perché è rimasta sconvolta improvvisamente. Guarda la strada, poi si gira di nuovo e mi fissa. Io la guardo.

“Che c’è?” chiedo. Voglio sapere cosa la sta preoccupando. E’ indecisa, non sa se dirmelo oppure no, ma comunque mi guarda. Per fortuna prende la decisione di parlare.

“Penso che ti sia sentito obbligato a portarmi a conoscere i tuoi genitori,” dice sottovoce ed esitante. “Se Elliot non l’avesse chiesto a Kate, non me l’avresti mai chiesto.”

Rimango completamente shockato dai suoi pensieri. Le ho dato l’impressione che non la volessi lì? Sono shockato e inclino la testa restando a bocca aperta per la sua confessione.

“Anastasia, sono felicissimo che tu abbia conosciuto i miei genitori. Perché sei così piena di dubbi? Non smetti mai di stupirmi. Sei una giovane donna forte e autonoma, ma hai una percezione negativa di te stessa. Se non avessi voluto che li conoscessi, non ci saresti venuta. E’ così che ti sei sentita tutto il tempo che siamo stati lì?”

Sospira tremante. Ovviamente sono deliziato dalla sua presenza qui. Lei è la mia donna. E’ mia in ogni senso della parola. L’ho presentata come la mia ragazza a tutti. La voglio qui. Anastasia diventa ansiosa e i suoi occhi si spostano con riluttanza verso Taylor. Scuoto la testa e mi allungo verso di lei.

“Non preoccuparti per Taylor. Parlami,” la rassicuro. Lei fa spallucce.

“Sì, l’ho pensato. E un’altra cosa, ho nominato la Georgia solo perché Kate stava parlando delle Barbados. Non ho ancora deciso,” confessa. Saperlo mi fa sentire molto meglio. Ero così spaventato all’idea che lei potesse scappare via.

“Vuoi andare a trovare tua madre?” chiedo.

“Sì,” risponde sicura. La guardo. Mi piace davvero tanto, e c’è quest’altra emozione a cui non so dare un nome che tira i fili del mio cuore ad ogni passo. La sua assenza per qualche giorno sarà più che frustrante. Non so come affrontarla. Voglio essere dov’è lei. Prendo la mia decisione e parlo:

“Posso venire con te?” le chiedo con la sincerità negli occhi.

Lei è shockata dalla mia domanda, “Cosa … ehm … non penso che sia una buona idea,” dice tranquilla.

“Perché no?” chiedo ferito.

“Speravo in una pausa da tutta questa … intensità, per provare a schiarirmi le idee,” dice. Io la fisso. Ha bisogno di una pausa da me?

“Sono troppo intenso?” chiedo, e questa volta mi risponde scoppiando a ridere.

“Questo è per usare un eufemismo!” Questo mi fa sorridere. E’ vero che riesco ad intimidire.

“Stai ridendo di me, Miss Steele?” chiedo giocoso.

“Non oserei mai, Mr. Grey,” risponde con finta serietà.

“Penso che oseresti, e penso che ridi spesso di me.”

“Sei abbastanza buffo,” risponde.

“Buffo?” voglio sapere in che senso.

“Oh, sì,” dice.

“Buffo nel senso che sono strano o che faccio ridere?”

“Oh … molto di uno e un po’ dell’altro,” risponde.

“In che ordine?” indago ancora un po’.

“Lascio a te l’onere di scoprirlo,” risponde con un sorriso timido.

“Non sono sicuro di poterlo capire da solo quando si tratta di te, Anastasia,” dico ironico. Ma sono preoccupato che stia provando a mettere della distanza tra di noi, e questo mi spaventa. Sta provando a scappare via da me. Devo saperlo. “A cosa devi pensare in Georgia?” chiedo tranquillo.

“A noi,” sussurra semplicemente. Allora, le mie preoccupazioni non sono immaginarie. La guardo impassibile, ma dentro di me fremo di preoccupazione e ansia.

“Hai detto che ci avresti provato,” mormoro.

“Lo so,” è la sua semplice risposta.

“Stai avendo dei ripensamenti?” chiedo, completamente spaventato, ma devo conoscere la sua risposta.

“Forse,” risponde confermando i miei sospetti. Mi agito sul sedile, a disagio. Questo non va bene. Pensa che non vada bene per lei? La sto facendo scappare via da me a causa dell’intenso desiderio che ho di lei? Devo saperlo.

“Perché?” chiedo tranquillo.

Lei fissa fuori dal finestrino come per sfuggire al mio sguardo. Ci stiamo muovendo lungo la strada avvicinandoci al ponte. L’oscurità maschera i nostri visi, e i nostri pensieri, ma non l’energia che vibra tra di noi. Devo saperlo, sono spaventato a morte dall’idea di poterla perdere. Non penso che potrei sopportarlo.

“Perché, Anastasia?” insisto per una sua risposta.

Lei fa spallucce, come a dire ‘niente,’ ma ‘niente’ non è mai solo ‘niente’. E’ sempre ‘qualcosa’. Voglio sapere cosa la preoccupa, cosa vuole, cosa desidera, cosa non sta ricevendo, così da poter lavorare in modo da sistemare tutto. Lo so, sono incasinato. Lo so che vuole di più. Voglio sapere cosa significa per lei. Le prendo la mano e la stringo.

“Parla con me, Anastasia. Non voglio perderti. L’ultima settimana …” mi mancano le parole. E’ stata solo la settimana migliore di tuta la mia vita … Di sempre. E’ stato come se avessi dormito per tutta la vita, confinato ad una modalità particolare, e lei mi ha fatto risvegliare, mi ha riportato in vita, ed è diventata la mia ancora di salvezza. Non riesce a capire che non posso vivere senza di lei ora. Non riesco nemmeno a ricompormi e a farmi uscire le parole giuste per dirglielo. Sono troppo indegno.

Siamo quasi alla fine del ponte, e i lampioni stradali ora sono l’unica cosa che ad intermittenza illumina le strade buie. Riesco a recepire un’espressione preoccupata sul suo viso tra le luci che ad intermittenza le mettono in risalto il viso.

“Continuo a volere di più,” sussurra, e il suo labbro finisce tra i suoi denti.

“Lo so,” dico. “Ci proverò.” Lei si gira verso di me e mi fissa, io le lascio la mano e raggiungo il suo viso, tirandole il mento per liberare il suo labbro inferiore dalla presa dei suoi denti.

“Per te, Anastasia, ci proverò,” dico sinceramente. Sono completamente assoggettato a lei. Non riesco ad immaginare di perderla, stare senza lei sarebbe come se mi strappassero via il mio cuore oscuro. Anche solo il pensiero è come mille tagli, e mi sento come se stessi lentamente sanguinando fino alla morte, soffocando nel mio dolore.

Con la mia dichiarazione, si slaccia la cintura di sicurezza, si sposta dal suo posto e si posiziona sul mio grembo, cogliendomi completamente di sorpresa. Mette le braccia intorno al mio collo e mi bacia, un bacio lungo e profondo, e io sono come creta nelle sue mani dato che le rispondo immediatamente. Mi ha conquistato, totalmente.

“Resta con me stanotte,” sussurro sulle sue labbra. “Se decidi di partire, non ti vedrò per tutta la settimana. Ti prego,” la imploro. Ho bisogno di lei. Tantissimo. Soprattutto stanotte … Non riesco nemmeno ad iniziare ad immaginare il non vederla per una settimana intera. Ha la minima idea di quanto sia difficile respirare e fare qualsiasi altra cosa senza di lei?

“Sì,” acconsente. “E ci proverò anche. Firmerò il tuo contratto,” dice d’un fiato.

Non voglio che lo faccia. Non voglio che prenda una decisione dettata dall’impulso del momento. La guardo.

“Firma dopo essere tornata dalla Georgia, piccola. Pensaci prima. Riflettici bene, piccola.” dico, volendole dare una vera opportunità.

“Lo farò,” risponde e continuiamo il nostro viaggio aggrappati l’uno all’altra in silenzio per un miglio o due.

“Dovresti mettere la cintura di sicurezza,” le sussurro, con la disapprovazione nella voce, ma non voglio che lasci le mie braccia.

Lei mi annusa, il suo naso sulla mia gola, e sono in paradiso per tutto il tempo in cui la tengo tra le mie braccia. E’ tutto pace e serenità. Ho dei sentimenti forti per la donna che stringo tra le braccia, e non so come chiamarli. Mi sono troppo estranei, troppo dolorosi a volte, e troppo accattivanti. Mi uccide pensare che potrei perderla lasciandola scivolare tra le mie dita. Chiudo gli occhi, e mi godo il momento. Ma troppo presto, arriviamo all’Escala.

“Siamo a casa,” mormoro all’orecchio di Anastasia. Taylor apre la portiera e Anastasia lo ringrazia timidamente. Quando scendo dall’auto, noto che Anastasia non ha una giacca. Non ne ha una? Mi sconvolge che i bisogni della mia donna non siano soddisfatti. Io la guardo e stringo gli occhi, lei sembra perplessa.

“Perché non hai una giacca?” le chiedo accigliandomi. Mi sfilo la giacca e la poggio sulle sue spalle.

“E’ nella mia nuova auto,” risponde sbadigliando, mezza addormentata. La sua risposta mi fa sorridere. Questo dimostra la sua accettazione del mio regalo, e forse mi sta lentamente permettendo di prendermi cura di lei.

“Stanca, Miss Steele?” chiedo.

“Sì, Mr. Grey,” dice timidamente dato che la sto punzecchiando. “Oggi sono stata sopraffatta in modo che non avrei mai pensato possibili,” dice, divertendomi ancora di più.

“Beh, se sarai proprio sfortunata, Miss Steele, potrei sopraffarti ancora un po’,” le prometto, prendendole le mano e conducendola nell’edificio.

Quando entriamo nell’ascensore, lei alza lo sguardo su di me. L’energia in questo piccolo posto diventa sempre palpabile, e si carica staticamente, anche se lei è mezza addormentata.

“Un giorno ti scoperò in questo ascensore, Anastasia, ma ora sei stanca. Quindi, penso che dovremmo accontentarci del letto,” dico. Anche se il desiderio di prenderla qui e subito sta esplodendo dentro di me. Con la mia dichiarazione, ecco che il suo bellissimo labbro torna ad essere confinato tra i suoi denti. Mi abbasso su di lei, prendo il suo labbro e lo libero gentilmente da quella presa. Lentamente lo succhio, facendola smettere di respirare per l’eccitazione. Lei ricambia prendendo il mio labbro superiore tra le sue, eccitandomi, facendomi gemere. Donna, ti avrò, che tu lo voglia oppure no! L’ascensore emette un suono e le porte si aprono, le prendo la mano e la trascino per il corridoio.

10 thoughts on “CAPITOLO XX

  1. bello ma mi sembra che era piu corto degli altri ma cmq bello come sempre e intenso
    brava non vedo l’ora per il prossimo capitolo …….

  2. Siete assolutamente meravigliose per il lavoro che fate…Questa storia riscritta secondo il punto di vista di Christian è strabiliante,divina, forse anche più eccitante …e poi finalmente riusciamo a capire la psicologia di Christian i suoi tormenti e le sue estasi…La colonna sorona poi è sublime, alcune canzoni non le conoscevo e grazie a voi sono state delle piacevoli sorprese. A questo proposito vorrei umilmente suggerire se mi è concesso due canzoni che ascoltavo a ripetizione che rispecchiavano, secondo me, le emozioni di Christian quando confessa ad Ana il suo amore: Baby i love you dei Ramones e my first my last my everything di Barry White…Grazie infinte per tutto quello che fate <3

  3. ooooooo grey grey cosa ti farei!!!! 🙂 capitolo fantastico questa donna a parer mio sembra aver catturato christian in tutto e x tutto in tutte le sue sfumature grazie a voi x la traduzione e x aver trovato il blog di emine una donna fantastica!!!!! GRAZIE RAGAZZE X TUTTO IL VOSTRO LAVORO PERDONATEMI SE L’HO DICO URLANDO MA L’HO MERITATE!!!!

  4. Solo io trovo romantico, anzi molto romantico, questi ultimi momenti ?!?

    Il viaggio in auto, quando Anastasia decide di sedersi sulle gambe di Christian, l’arrivo a “casa”, l’ascensore…. ^_^

    Piccoli momenti… piccoli gesti… ke però sembrano sempre più dar adito ad una relazione vera, sincera, reale… 🙂 <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*