CAPITOLO II

by Emine Fougner. – Anastasia e Christian.

Racconto basato “Cinquanta Sfumature di Grigio” di E.L. James. Traduzione a cura di Fifty Shades Italy. Vietata la riproduzione anche parziale. All rights reserverd.

Durante la lettura potrebbero esserci evidenziati dei link “Soundtrack” che rimandano a delle canzoni. Vi consigliamo di aprirli per entrare appieno nell’atmosfera delle situazioni, continuando ad immergervi nelle parole della storia con un sottofondo da noi consigliato.

 

Il Secondo Incontro

Soundtrack

Mi sento come uno stupido adolescente di fronte al Clayton Hardware Store. Lei oggi lavora. Respiro profondamente e la individuo in trenta secondi. Sta registrando qualcosa al computer, e molto presa dal suo lavoro mentre si mangia un bagel. A volte si toglie le briciole dall’angolo della bocca con la lingue e a volte con il dito indice. Tutto d’un tratto ho voglia di essere io a prendere quel pezzo di bagel dal suo labbro. Sembra proprio bella come ricordavo, in realtà è molto meglio nei suoi jeans e t-shirt. Molto, molto meglio …

Lei alza gli occhi da quello che stava facendo e blocca il suo sguardo su di me. Sono contento di vedere che riesco ad influenzarla in qualche modo. Ciò significa che non è gay. I suoi occhi azzurri sono sempre più grandi.

“Miss Steele. Che piacevole sorpresa vederla qui. “

Mi sta guardando, sta guardando i miei abiti, il mio maglione, le scarpe da trekking, e gli occhi indugiano un po ‘troppo a lungo sui miei jeans. Mi fa piacere.

“Mr Grey ” dice, finalmente tirando il fiato.

“Ero in zona, e devo fare qualche acquisto” dico come spiegazione della mia presenza nel negozio. Lei si morde il labbro e avvampa.

“Certo Mr Grey,” balbetta, ma immediatamente entra in modalità dipendente”In cosa posso esserle utile?”
“Ho bisogno di alcune fascette stringicavo,” dico sorridendo Cosa potrei farti con queste penso. Lei avvampa di nuovo vendendo il mio sguardo. Mi fa strada e mi aiuta con nastro adesivo e corda. Mi chiede se devo ritinteggiare casa. Sorrido il mio sorriso segreto. No piccola, non devo ridipingere ci sono persone che lo fanno per me. Ho altri progetti con queste cose, e sono sicuro che non hai mai provato quello che sto pensando, ma sarebbe divertente per me insegnarti qualcosa

Lei arrossisce di nuovo. La mia presenza le fa effetto, è influenzata da me come io lo sono da lei. Devo chiederle qualcosa per tenerla impegnata. “Lavora qui da molto?” So già la risposta. Quattro Anni – part time. Lei risponde di si, senza guardarmi negli occhi. Mi mostra due diversi tipi di nastro adesivo e scelto il più grande. “Qualcos’altro Mr Grey?” Mi chiede con voce ansimante e roca. Sì, lei è sicuramente influenzata dalla mia presenza. Mi trovo a rispondere con lo stesso tono. Quando taglia la corda con precisione e destrezza le chiedo se ha mai fatto parte degli scout, guardandola intensamente. Lei arrossisce di nuovo, si guarda le mani e giocherella con gli anelli “No, Mr Grey,” dice, “Le attività di gruppo non sono il mio genere. Non sono quel tipo di ragazza” osa guardarmi da dietro le sue lunga ciglia. E’frustrante cercare di decifrare il suo pensiero. “E cosa le piace Anastasia?” Chiedo a voce bassa. Resta senza fiato. Credo di conoscere già la risposta. E scommetto che siano il libri.
“Libri,” sussurra, ma il suo sguardo dice qualcos’altro mentre arrossisce. Oserei dire Bronte e Jane Austen?
“Che tipo di libri?” Chiedo interessato ma conoscendo la risposta.

“I classici inglesi, i soliti,” sussurra. È cuori e fiori. Fa per me? Io non sono il tipo da cuori e fiori. Mi strofino il mento mentre penso alla sua risposta. Potrebbe essere divertente. Mi piacerebbe provare. Lei cambia argomento e torna alla modalità dipendente. “Le serve altro mr Grey?”

Ho bisogno che lei parli con me. E’ seducente. Non riesco a staccarle gli occhi di dosso, da tutto quello che fa, dal suo mordersi il labbro, dal suo torcersi le dita. Tutto questo mi fa venir voglia di entrare in contatto con lei, di legarle le mani e di mordere quel labbro, di insegnarle alcune lezioni con quella bocca. Ecco che un ragazzo la chiama: “ANA”

Un tizio vestito da scolaretto entra e va da lei. È lui il suo fidanzato? Mi vengono i brividi e ad un tratto vorrei pestare questo tizio. Chi diavolo è? Lei si scusa, e va a lui. Chiudo gli occhi. Forse ho fatto un errore venendo qui. Lui la abbraccia, ma lei non ricambia.. Lo guardo in modo glaciale. Forse non sono fidanzati. Il figlio di puttana viene verso di circondando la schiena di lei con il braccio.

“Mr Grey, questo è Paul. Suo fratello gestisce questo posto. Lo conosco da molto tempo, ma lo vediamo raramente studia Business Administration a Princeton” mi guarda. Lentamente mi lascio sfuggire un sospiro di sollievo il figlio di puttana non è il suo fidanzato ma il fratello del proprietario. Mentre ci misuriamo a vicenda Anastasia mi presenta “Paul questo è Christian Grey” Gli ci vuole un secondo per capire chi sono, e posso vedere il suo cambiamento nel suo sguardo, l’ammirazione e timore reverenziale. Sì, stronzo, sono proprio io, e ora lasciala andare lasciare andare via la sua ora, mollala! Mi chiede se ho bisogno di qualcosa.

“Anastasia è stata molto compiacente,” dico e i miei occhi diventano glaciali su di lui. Finalmente se ne va. Non so perché ho sentito questa fitta di gelosia. Non ho mai provato questa emozione, non so come gestirla, mi sento a disagio. Perché mi sento così geloso e protettivo nei suoi confronto? Non è niente per me..eppure vorrei che lo fosse.

“C’è qualcos’altro che posso aiutala a trovare Mr Grey?” Dice agitandosi. Ignoro la sua domanda.

“Come sta l’articolo venendo Anastasia?” Chiedo. Sembra sorpresa e alza gli occhi verso di me. Non voglio andarmene. Voglio stare con lei.

“Oh, Kate … voglio dire, Miss Kavanagh, la mia coinquilina, se ne sta occupando. E’ molto dispiaciuta per non essere riuscita ad intervistarla. Le piacerebbe avere delle fotografie sue”. Questa si che è una sorpresa. Forse ho un’altra occasione per vedere Anastasia. “Davvero?” Dico io, “Forse domani potrei essere disponibile. Ho degli affari di cui occuparmi in zona”. Prendo il mio biglietto da visita e glielo passo. Mentre lei lo prende ci sfioriamo le mani e una scarica di energia mi scorre nel corpo facendomi quasi ansimare. Ho lo stesso effetto su di lei “Mi chiami prima delle dieci” . Lei resta piacevolmente sorpresa e mi fa un grande sorriso che illumina il suo sguardo. “Kate ne sarebbe entusiasta!” . Devo pagare i miei acquisti ma lei tiene lo sguardo basso. Guardami ancora!

Mi sento un adolescente, mi si contorcono le viscere. Lei mi guarda di nuovo e le consegno la mia american Express. I nostri sguardi si incrociano. Quando mi consegna i miei acquisti, prima di andarmene mi giro “Oh, Anastasia, sono contento che sia stata lei ad intervistarmi e non la sua coinquilina”. Voglio che lei sappia che sono interessato a lei e riesco a sentire il cambiamento nel suo respiro. Ricambia l’interesse. Lei mi piace.

Lascio il negozio. Ora ho uno scopo. Fuzionerà.

Taylor mi sta aspettando al parcheggio.

“Andiamo,” dico. Mi porta all’Heathman Hotel. Vado nella mia suite e poggio I miei acquisti su una sedia. Mi tengo occupato con il lavoro ma spero che lei mi chiami. Se non lo farà lascerò perdere e domani me ne andrò. Mi butto nel lavoro e cerco di sfogarela mia. Lavoroper ore. Torno in albergo. Mi faccio una doccia. Anastasia…ho ancora in mente le sue labbra. Se non dovesse chiamare come posso organizzare un altro incontro casuale? La mia mente inizia a programmare un piano. Non perdo mai quando mi metto in testa qualcosa. Solo se anche lei lo vuole naturalmente. Lei è troppo giovane per quello che ho in mente. Sembra così inesperta. Perché non ha chiamato? Dannazione!

Decido di rispondere ad alcune e-mail, quando improvvisamente il mio telefono squilla. Non riconosco il numero. Chi diavolo è questo? Sono di cattivo umore. Rispondo seccamente:

“Grey”.

Risponde una voce roca timida e nervosa.

“Uhmm … Mr. Grey? Sono Anastasia Steele. ” Il mio cuore si ferma per un secondo, riprendo subito il controllo e rispondo con un tono roco ma morbido.

“Miss Steele. Che bello sentirla” Avevo quasi pensato che non avesse intenzione di chiamarmi. Sono sollevato. Sento bloccarsi il suo respiro. Sono entusiasta di avere questo effetto su di lei. Sto ridendo come un idiota. Le dico che io resto all’Heathman a Portland e decidiamo di fare le riprese alle nove e mezza del mattino. Quando lei dice “Va bene, ci vediamo lì,” tutti sospirato ed eccitato, sento il mio scurire gli occhi, incapace di aspettare fino a domani, “Non vedo l’ora , Miss Steele,” dico con la seduzione cucita. Il mio subconscio dice “TU SEI MIA!

L’attesa per la mattina seguente è costellata con i sogni erotici di Anastasia in calze di seta e le manette, i suoi occhi azzurri in attesa. “Anastasia,” sussurro il suo nome come fosse una preghiera. “Christian, un respiro, la voce di lei è sufficiente a sciogliermi. Mi sveglio sudato con il suo nome sulle labbra. Tolgo il braccio dagli occhi e mi ritrovo a guardare il soffitto. Potrebbe mai un altro nome avere lo stesso effetto su di me? Un nome come Janet, o Maria, o Angie? Io credo di no. Anastasia. Il nome è una carezza sulle labbra, e’ magico, è vivo. Sono attratto, stregato, nella sua portata.

Mi alzo e vado in palestra, devo far passare il tempo. Dopo il mio allenamento, faccio una lunga doccia, indosso la camicia bianca con il collo aperto, i pantaloni grigi in flanella. Ho fatto colazione in fretta e non ho asciugato i capelli, lasciandoli alla loro volontà. Lei mi chiama per farmi sapere che stanno occupando un’altra suite in hotel per le riprese. Taylor aspetta vicino alla porta.

Non appena entro nella suite indicatami la cerco con lo sguardo.La vedo. Indossa jeans a vita bassa che abbracciano perfettamente le sue curve e una camicia bianca che mostra la forma splendente. Sento il suo respiro quando la guardo. “Miss Steele, ci incontriamo di nuovo,” dico stringendo la sua piccola mano pallida. Con il suo tocco sento la stessa scossa tra di noi, so che anche leila sente. Lei arrossisce e il suo respiro diventa affannoso ed irregolare. Toglie la mano troppo preso e mi presenta alla sua compagna di stanza, che non è come mi aspettavo, non curante sicura di sé prepotente. Come me.

“La tenace Miss Kavanagh. Come si sente? “Dico, e ringrazio la mia buona stella che sia stata Anastasia a venire da me e non lei. E’ bella ma non mi piace il suo modo. Nemmeno un po’.

Anastasia mi presente poi il fotografo dicendo: “Questo è José Rodriguez, il nostro fotografo.” Lei gli sorride con amore e lui di rimando, possessivo. Mi sento crescere la rabbia dentro di me E ‘questo stronzo il suo fidanzato?

“Mr Grey”, annuisce il figlio di puttana.

“Mr Rodriguez” rispondo, glaciale. Mi siedo e poso per il servizio fotografico. Per tutto il tempo guardo Anastasia. Devo scoprire se uno di questi due è il suo fidanzato. Sono entrambi troppo possessivi con lei. Dopo circa trenta minuti abbiamo finito e sbrighiamo i classici convenevoli con Kavanagh e gli altri. Mi rivolgo a Anastasia chiedendo: “Vuole accompagnarmi Miss Steele?”

“Certo,” dice ansiosa, mentre l’amica ci guarda in tono sospettoso e il fotografo è accigliato. Devo sapere se è il suo fidanzato. Devo scoprirlo. Non voglio condividere. Deve essere mia.

Apro la porta e usciamo “Vuole unirsi a me per un caffè?” Lascio la speranza fuori dal mio sguardo, ma riesco a sentire il suo battito che aumenta e il visto arrossire. “Si piccola è un appuntamento”Conservo la speranza di fuori del mio sguardo, ma, riesco a sentire il suo battito cardiaco in aumento e la faccia andare rosa. Sì, baby, questa è una data.

Con la delusione nelle parole mi dice che deve riaccompagnare tutti . Oh, ci penso io piccola!

“TAYLOR!”

“Riaccompagna Miss Kavanagh, il fotografo, il suo assistente e le loro attrezzature e portali ovunque loro debbano andare! ” Poi mi rivolgo a lei “Problema risolto.”

“Oh, Taylor non era obbligato a farlo Mr Grey. Devo andare da Kate a scambiarci le auto” Torna così nella suite dove discute con l’amica e poi torna.

“Ok, andiamo a prenderci questo caffé” dice diventando rossa scarlatta..il suo continuo arrossire mi fa sorridere come fossi lo Stregatto. Chiacchieriamo fino ad arrivare agli ascensori. Premo il pulsante e quando la porta si apre una coppia si stacca guardando imbarazzata ovuqnue tranne che nella nostra direzione. Cos’hanno gli ascensori? Anastaia è chiaramente imbarazzata. Tengo lo sguardo su di lei guardando il rossore colorare il suo visto, mentre cerco di non sorridere. Non appena l’ascensore arriva al nostro piano le prendo la meno e usciamo. Sentiamo la risatina della coppia che era con noi, come a domandarsi “Che cos’hanno gli ascensori?” .

Soundtrack
Attraversiamo la strada e ci dirigiamo verso un bar, mano nella mano, con la scarica che si fa sentire sempre più forte in ognuno di noi. Le lascio scegliere un tavolo e le chiedo cosa vuole.

“English breakfast tea, con bustina a parte.” Dice sorprendendomi. Quindi niente caffè. Non le piace il caffè. Quando mi allontano per ordinare, mi accorgo che mi guarda di nascosto, e occasionalmente si morde il labbro. Quando torno al tavolo, abbassa lo sguardo e inizia a giocherellare con le dita. Mi piacerebbe sapere se sta arrossendo per me. Almeno me lo auguro.

“Un penny per i suoi pensieri?” Dico.

Lei avvampa e diventa rossa come la bandiera cinese. Dio! Come vorrei sapere cosa sta pensando. Poggio il vassoio sul tavolo e prende e allungo le gambe sotto il tavolo per vederla meglio.

“A cosa sta pensando?”

Lei non trasmette nulla. “Questo è il mio the preferito, mi piace nero e debole”, dice. Devo arrivare al sodo. Devo farlo. Perché orami non resisto. “Capisco.” dico “E ‘il tuo fidanzato, il fotografo. Jose Rodriguez?”

“No”, sbotta, «è solo un buon amico. Come se fosse parte della mia famiglia. “

“Bene,” e uno è tagliato fuori “mentre il ragazzo dal negozio?” Sono arrivato al punto.

“No, non lo è. Gliel’ho già detto ieri “, dice. Sospiro di sollievo.
“Perché me lo chiede?” domanda.

“Sei nervosa con gli uomini” osservo. Si guarda le mani e avvampa di nuovo. “”Lei mi intimidisce” confessa, anche se mi rendo conto che lo dice senza pensarci troppo perché arrossisce per un nonnulla. Le faccio effetto e questo pensiero mi fa piacere. E non posso fare a meno di sorridere.

Io sono intimidatorio, ma per favore non abbassi lo sguardo. Mi piace vedere il suo visto.” Le dico e quella bocca che tu continui a morderti . Mi guarda “Voglio sapere a cosa stai pensando. Sei così misteriosa, Anastasia. ” mi guarda sconcertata. Le dico che ogni volta che arrossisce sembra che stia pensando a qualcosa, ma non capisco a cosa. Di rimando mi chiede se faccio sempre osservazioni tanto personali. Non me ne ero accorto. Anche lei faceva osservazioni personali su di me la scorsa settimana. Mi dice che secondo le sono molto arrogante. Come hai ragione piccola

Faccio sempre a modo mio Anastasia , “le dico,” in tutte le cose. “

Voglio sapere di più su di lei, e le chiedo della sua famiglia. Lei mi chiede della mia, ma io ho più bramosità di conoscerla. Quando le dico che mia sorella Mia è a Parigi, esclama desiderosa “Ho sentito che Parigi è incantevole,” le dico che è bellissima e Le chiedo se lei c’è mai stata. Nonha mai lasciato il paese. Le chiedo cosa vorrebbe visitare. Il suo viso si illumina. “Parigi? Sicuramente. Ma è l’Inghilterra il mio posto preferito. Vorrei davvero visitarlo un giorno”. Scommetto che di sapere il perchhé. Il mio dito indice sfiora il labbro inferiore. “Perché?”

“Austen, Bronte, Shakespeare, Hardy. Mi piacerebbe vedere i luoghi che hanno ispirato i miei autori preferiti, “dice lei senza battere ciglio. Cuori e fiori come sospettavo. Lei guarda l’orologio. Vuole andare a studiare per il suoi esami, Le offro di accompagnarla fino alla macchina di Miss Kavanagh. Lei mi ringrazia per il tè. Oh, il piacere è tutto mio, sorrido. Tendo la mia mano verso lei e lei mi porge automaticamente la sua e la scintilla scorre di nuovo tra di noi. Entrambi rimaniamo persi nei nostri pensieri mentre raggiungiamo l’hotel. Amo come il suo culo entra in quei jeans. e senza pensarci le chiedo: “Indossi sempre i jeans?”

“Spesso” Lei risponde confusa. Le si addice. Proprio mentre arriviamo al parcheggio, mi fa una domanda di rigetto “Hai una fidanzata?” Diventa di tutti i colori. Sospetto stesse pensando ad alta voce. Sorrido
“No, Anastasia. Non sono il tipo da fidanzate” rispondo a bassa voce.

Lei è confusa, naturalmente. Un barlume di pensiero passa sul suo viso e resta senza parole. E’ delusa glielo si legge in faccia cerca di lasciare andare la mia mano, camminando avanti e correndo sulla strada.

Improvvisamente mi ritrovo a gridare “Merda, Ana!”, e la trascino con la mano salvandola da un ciclista. La stringo al mio corpo. La sento respirare il mio profumo, sento il profumo dei suoi capelli e della sua pelle. Chiudo gli occhi e le sussurro all’orecchio “Stai bene?”, Mentre l’afferro per la schine con una mano e con l’altra le alzo il visto sincerandomi che stia bene. afferrare il fondo della schiena con una mano, e cercando di fare in modo che sia ok e non ha graffi sul viso con l’altra. Le passo un dito sulle labbra e un brivido attraversa il mio corpo. Il suo respiro è corto. I nostri sguardi si bloccano. Lei mi guarda intesamente e il suo corpo il suo sguardo mi stanno dicendo “Baciami”
Lei è bella, e sto lottando contro me stesso per controllarmi e per non baciarla. Chiudo gli occhi, e quando li riapro sono determinato. Lei è troppo giovane, troppo innocente, troppo bella. Non è per il mio mondo.

“Anastasia dovresti stare lontano da me. Io non sono l’uomo per te” sussurro. Sul suo volto appare la delusione. Come se fosse stato colpito duramente. E’ meglio rifiutarla adesso che farle del male in seguito.

“Respira Anastasia, stai bene? Ti lascio andare adesso.” E’ delusa e ferita. Glielo leggo sul visto. Apre gli occhi azzurri. Sta facendo di tutto per non piangere. Vuole andarsene..

“Capisco” dice, “Grazie Mr Grey.”

“Per che cosa?”

“Per avermi salvata,” dice quasi in lacrime.

Sono furioso con il figlio di puttana che l’ha quasi investita. “E ‘stata colpa di quell’idiota. Non tua. Vuoi sederti un po’ in hotel?”

“Sto bene,” dice la voce rotta. “Grazie per aver fatto il servizio fotografico,” dice sforzandosi sempre più e scacciando indietro le lacrime. Sto combattendo con alcune emozioni che non conosco. Quasi cedo. Vorrei spiegarle che non sono il tipo di ragazzo che potrebbe renderla felice. Lei è “cuori e fiori” io ho cinquanta sfumature di grigio. .

“Anastasia … io.” Mi fermo, con la battaglia interiore che infuria dentro di me, la desidero, ma non voglio farle del male. Sono combattuto. Non posso sopportare il dolore sul suo viso.

“Cosa c’è Christian?”, scatta, il mio nome è una preghiera sulla sua lingua. No, non posso farlo a lei. Prendo fiato: “Buona fortuna per i tuoi esami”, le dico. “Grazie!” Dice quasi in lacrime, e si allontana da me. L’ultima cosa che vedo è lei che si asciuga le lacrima dl visto. Mi prenderei a calci in culo,.
Cazzo! Cazzo! Cazzo!

Mi volto indietro per l’hotel. Devo prendere pugni qualcosa, qualcuno, qualcosa … sono pieno di emozioni che non conosco. Non riesco a togliermi il suo viso dalla testa. Quello sguardo … Il dolore … Cazzo! E ‘tutta colpa mia non sono il tipo da fidanzate e lei non è il tipo di ragazza che avrebbe fatto quello che voglio! Sono in un enigma cazzo e ho qualche desiderio sconosciuto, che mi tira verso di lei, ma non voglio farle del male. Lei si farà del male. E ‘troppo innocente. Non funziona con lei! La battaglia infuria nella mia testa. Come faccio a sapere che non funziona se non provo?

Fanculo! Io mi do un altro giorno. Vedo se riesco a risolvere la cosa nella mia testa. Cazzo! Chiamo Claude Bastille e gli chiedo di venire a Portaland Ho bisogno di un allenamento serio.

Domani. Aspetterò fino a domani.

12 thoughts on “CAPITOLO II

  1. Innanzitutto ottimo lavoro, e grazie x quello ke fate!!
    spero di leggere nei prossimi capitoli la vita di Christian prima di aver conosociuto Ana. Magari qualcosa in più sull’adolescenza e la storia con Mrs. Robinson/Elena

  2. Sono entusiasta di leggere i pensieri di CRISTIAN e mi piace molto il vostro lavoro , vi prego di continuare a scrivere. complimenti

  3. Ciao, ho letto da poco il primo libro scritto da lui ed è, davvero bellissimo. Ma ora che l’ho finito, mi domandavo quando escono gli altri due 🙂 Grazie mille!

  4. Fate un lavoro eccezionale!! Amo questo romanzo perché trovo sia anzitutto una storia d’Amore… Sono molto curiosa di leggere il punto di vista di Christian… Grazie siete fantastici!!!!

  5. Non vedevo l’ora di leggerlo tutto dal punto di vista di Christian, molto bello e ringrazio tantissimo! 😀
    Però peccato che ci siano un po’ di errori e alcune frasi non si capiscano molto bene, ma sorvolo, apprezzo molto lo stesso
    <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*