Capitolo Bonus #1

by Emine Fougner. – Anastasia e Christian.

Racconto basato “Cinquanta Sfumature di Grigio” di E.L. James. Traduzione a cura di Fifty Shades Italy. Vietata la riproduzione anche parziale. All rights reserverd.

Durante la lettura potrebbero esserci evidenziati dei link “Soundtrack” che rimandano a delle canzoni. Vi consigliamo di aprirli per entrare appieno nell’atmosfera delle situazioni, continuando ad immergervi nelle parole della storia con un sottofondo da noi consigliato.

599365_10151629054046328_1784842515_n

La redenzione di Christian

“Siediti!” Ordina lei, muovendo appena i suoi capelli biondi tagliati perfettamente. Lei mi guarda. Ho sempre potuto sentire il suo sguardo su di me. La mia testa è china, sono seduto sulle mie ginocchia, le dita sono divaricate attorno al mio braccio, il mio viso è inespressivo, la mia testa blanda, in attesa di eseguire i suoi ordini. Non avrei il coraggio di guardarla, soprattutto qui, in questo posto. Si siede sulla sedia a sdraio e estende il piede sinistro verso di me. Io lo prendo obbediente.

“Succhia” ordina seccamente. Prendo il piede con riverenza, senza pensare. Posizionato a punta, inizio a succhiare, come piace a lei. Inizio dall’alluce, per poi passare al secondo e poi quello in mezzo. Quello è quello che lei preferisce, quello che la eccita di più, vado verso l’alto. A lei piace che le venga rosicchiato e succhiato il collo del piede. L’inguine va su e giù. Inarca il piede, e muovo le mie labbra, senza fare domande. Si appoggia sullo schienale della chaise longue. So cosa succede, anche se non ho il coraggio di guardare verso di lei. Ormai è routine. Il suo seno sinistro è libero adesso.

“Sentiti libera di prendere in prestito il mio sottomesso: se posso prendere il tuo non appena sarai completamente soddisfatta,” dice un’altra voce femminile. Lei non parla, non dice nulla, ma deve aver annuito, perché vedo i piedi nudi di un altro sottomesso che inizia a succhiare il suo capezzolo. Mi fermo per un po’, mentre la rabbia cresce in me. Non voglio condividerla con un altro sottomesso!! Ma cosa posso fare? Continuavo a ripetermi di non pensare. Ricordandomi: Questo è quello che devi imparare a padroneggiare, devo controllare me stesso, le mie emozioni. Quando la pausa si allunga, lei se ne accorge. Il suo tono non è troppo piacevole.

Cosa abbiamo qui?” dice con voce vellutata. “Sei preoccupato per un po’ di concorrenza?” Lei sembra contenta. Ma non mi fido del suo tono. Sai come si dice, “can che abbia non morde,” solo che con la Signora Elena è esattamente il contrario. La calma che emana equivale alla durezza della punizione. Come quella volta che ha versato della cera calda sul mio petto, pur sapendo quando odio essere toccato, l’ha fatto. Lei non si lascia influenzare dalle mie cazzate. Mai! Dare e ricevere dolore sono la stessa cosa per lei. Potrebbe raggiungere l’orgasmo mentre mi sta punendo con la fustigazione, o mentre, secondo lei, mi dà piacere.

Ora come ora, non mi muovo. Non guardo in alto. Lascio la mia mente vuota . Sono un sottomesso e devo fare quello che mi viene detto, senza pensare. Ritrae il piede dalla mia mano congelata, si sposta sulla sedia, e accarezza la testa dell’altro sottomesso, e la cosa mi rende ancora più geloso. No, non lo sono. Non devo esserlo. Si alza, su di me. Scuote la catena al mio collo.

Bene bene bene, come posso punirti per questa offesa Christian?” dice nel suo tono più vellutato. Deglutisco. Potrebbe fare qualsiasi cosa. Lei mi potrebbe legare facendomi oscillare dalle corde, legarmi sulla croce e frustarmi, imbavagliarmi e bastonarmi, utilizzare le pinze per genitali … Le sue opzioni sono infinite. Non dico niente. Tengo la mente vuota. La mia mente, sa che sono già fottuto e aspetta che lei decreti la sua punizione con paura. Lei può farmi del male e rendere la cosa piacevole. Sono il suo schiavo. Ho cinque anni di esperienza alla spalle, e sono stato un suo sottomesso per tutto questo tempo. Lei mi percuote fino allo sfinimento ogni volta che pensa che stia perdendo la retta via, e l’ha fatto spesso. Si è fatta scopare da me in ogni modo possibile e per certi versi impossibile.

Signora Stark, potrei condividere con te il mio sottomesso per una sessione punitiva,” dice alla proprietaria del sottomesso che adesso è seduto sulle sue ginocchia, a culo nudo, mentre la guarda con aria serena.

Sarai legato. Penso mi piacerebbe sospenderti oggi…” dice con tono deciso. “Cosa ne dici di questo??” chiede serafica, velando una minaccia. Rimango immobile. Lei scuote ancora la catena al collo, costringendomi ad alzare il viso e guardarla in faccia .

Devi rispondermi quando ti faccio una domanda diretta! Cosa ne pensi?” sibila con tono minaccioso.

Si Signora,” il mio sguardo alla fine incontra il suo.

Bravo ragazzo,” sono ancora ragazzo, nonostante io sia stato un suo sottomesso negli ultimi cinque anni e ora io sia un uomo vent’anni.

Ora, alzati,” ordina tirando la catena e obbligandomi ad alzarmi. Le due Signore incrociano le corde di fibra sul mio torace mentre io resto immobile, legandomi e incrociando il tutto a rombi come se fossi un baklava turco. Alla fine la corda viene attorcigliata alla mia gola. Le altre persone nella grande sala, che stanno imparando l’arte del Dominatore/Sottomesso, a malapena alzano lo sguardo, troppo impegnate nei loro affari. Mi fanno sdraiare sul letto. Ma la corda intorno al mio collo mi costringere a tenere la testa fuori dal letto. Se dovessi mettere la testa dritta, non riuscirei a respirare. Sono a vista ma questa è una cosa a cui sono abituato dopo cinque anni di sottomissione. Abbassano una carrucola sopra il letto, girandola su di me. Ho le mani legate alla schiena, e tutto il mio corpo è coperto di corde incrociate che s’attraversano l’un l’altra. Quando vengo girato, devo forzare la mia testa, perché la corda limita la mia respirazione. La carrucola è legato con la corda dietro di me e io sono tirato a circa un metro sopra il letto. Sono aperto, esposto e completamente impotente, e alla mercé di due Signore. Lei ogni tanto mi condivide con altre padrone, e prende in prestito i loro giochetti, proprio come sta facendo oggi.

Padrona Elena mi tira i capelli, masturbandosi con la mia testa. “Stai bene?” chiede con voce passiva.

Sì, signora,” rispondo con voce roca.

Qual è la safeword?” chiede con tono autoritario.

Diamond,” rispondo cercando di tenere la testa alta.

Bene,” dice lei, “Padrona Stark partirà per prima,” dice in tono pratico. “Glielo devo, e tu dovrai darle piacere e soddisfazione,” mi ordina. Io non rispondo.

Lei mi tira i capelli: “Qual è la tua risposta?

Sì, signora,” riesco a dire cercando di gestire il dolore. “Il sottomesso della Padrona Stark sarà il responsabile delle corde, così, potrà abbassati al suo livello. Capito?

Sì, signora,” rispondo con voce roca di nuovo.

Padrona Stark si trova sul letto, con le gambe divaricate. Vuole ricevere piacere, e la mia Signora mi ordina di farlo. Il sottomesso della Padrona Stark abbassa la corda abbastanza in basso in modo da farmi raggiungere il suo punto di piacere mentre Padrona Elena si trova dall’altra parte dandomi piacere. Così come la mia testa va su e giù, il mio respiro è limitato, e sento dolore, ma Padrona Elena dall’altra parte mi sta dando piacere tanto che mi fa venire voglia venire voglia di andare avanti. Sono in un enigma.

Voglio smettere, perché non voglio essere condiviso con un altro amante. Ma nel medesimo tempo voglio andare avanti, perché Padrona Elena mi sta dando piacere. Padrona Stark solleva un fianco e cercando di raggiungere il piacere a pieno, ma la corda che è avvolto intorno al mio collo limita la mia capacità di saldare il debito che la mia padrona ha nei suoi confronti. Sento dolore al collo con quell’angolazione. E fatico a respirare.

Più veloce!” mi ordina Padrona Stark non pienamente soddisfatta. Sto per svenire, ma non voglio mettere in imbarazzo la mia Padrona dimostrandomi un sottomesso incompetente. Ma il mio respiro si mozza, perché ho la testa completamente seppellita per raggiungere il punto di massimo piacere, e l’ultima cosa che ricordo sono i miei occhi che si rivoltano e il buio.

 

***

 

Christian, sai che devi essere punito,” dice tranquillamente. “Non hai usato la safeword, e quel che è peggio, questo si riflette negativamente su di me, come ben sai, è una delle regole da me imposte che devi assolutamente riflettere il meglio di te soprattutto quando siamo tra quelli del nostro genere.” Mi dà un’occhiata di rimprovero. Non so esattamente cosa le stia passando per la testa, ma la calma della sua voce non mi convince nemmeno un po’ che non mi punirà severamente. Perché sa essere creativa nei modi in cui riuscire a vendicarsi, privandomi del sollievo e prendendo il controllo assoluto e totale su di me.

Sono inginocchiato sul pavimento. Vorrei che provasse un po’ d’amore per me, più delle semplici punizioni, o dello scopare. Ma lei dice “l’amore è per i pazzi! E’ un’emozione inutile. E’ un deterrente, è un fallimento umani. Hai bisogno del controllo per indirizzare il tuo destini, e l’amore porta via il controllo alle persone.” Mi sono sempre chiesto come sarebbe stato essere baciato da Elena. Sai, un bacio con delle emozioni, con il desiderio che ti contorce le budella, un bacio che ti fa dimostrare che faresti qualsiasi cosa per quella persona, non che non lo farei, comunque sia, ma, lei… Non mi ha mai dimostrato un’emozione del genere! Non l’ha mai sentito per me…

Ora, devi accettare la tua punizione,” dice.

Sì, signora,” le rispondo serenamente.

Sai perché stai per essere punito, Christian?

Sì, signora. Non ho usato la safeword, e ti ho fatto fare una brutta figura di fronte ad un’altra signora non soddisfacendola del tutto e svenendo,” dico.

Lei mi lega, facendomi rimanere inerme sulla croce. Non posso muovermi, e odio questa posizione. Lei muove il suo flagellatore su di me, lentamente, ma non mi illudo. La cosa che sento subito dopo sono i viticci del flagellatore che mi colpiscono sui gioielli di famiglia. Allo stesso tempo doloroso e piacevole. Mi ha già imbavagliato così posso solo emettere un suono lamentoso. Lei mi gira intorno e mi colpisce sulle natiche per poi farsi strada verso i miei gioielli ancora e ancora e ancora. Poi prende un pezzo di carta che forse somiglia ad una carta vetrata estremamente sottile. Quella la odio, perché ti sbuccia quasi la pelle, anche se non è abbastanza. Il sangue arriva in superficie, e senti piacere ma il dolore è estremo. Avvolge la carta intorno alla mia mascolinità, e inizia a sfregare con un piccolo brillio negli occhi.

Questa è la tua punizione, Christian! Non mi disubbidirai più! Mi hai capito?” dice.

Faccio un cenno con la testa, ma il dolore che si dirama dentro di me supera di gran lunga il piacere, e non posso più sopportarlo. Riesco appena a farle un segnale con le mani dato che il dolore è incredibile, e dato che sono imbavagliato e lei è completamente occupata con la sua fase di punizione, mi sforzo di scuotere il corpo cosicché possa notare il mio segnale con le mani. Lei è eccitata e boccheggia, e alla fine riesce a fermare la punizione. Velocemente scioglie tutte le mie restrizioni, ed io collasso sul pavimento in posizione supina per assorbire meglio il dolore. Lei mi cammina intorno, mi sfrega le braccia dove sa che può toccare. Anche se a lei non importa un cazzo di dove tocca… Mi permetterei di dirle di ‘no’? Me la farebbe pagare caramente.

Beh, questo conclude la tua punizione per una delle offese. Ancora non ho finito con te, Christian,” dice, senza emozione, senza consolazione nella sua voce. Ma è calma e melodiosa, ipnotica.

Mi giro fino a mettermi sulla schiena. Anche se sono indolenzito, quello, è l’ultimo dei miei dolori. Fisso il mio sguardo su di lei e dico con voce appena udibile per la sofferenza:

Non voglio più essere il tuo sottomesso!

Lo shock le riempie gli occhi. “Christian, è il dolore che parla, sai che ti piace! Questo ti dà disciplina, ti dà uno scopo, ti dà il controllo, e tu sei al comando. Altrimenti non imparerai ad essere al comando!” dice con il fervore negli occhi. Scuoto la testa. Conosco i miei limiti, e so cosa mi piace. Questo di certo no! Non voglio condividere; e nemmeno io voglio essere condiviso. Mi piace il controllo; non essere controllato. Da ora in avanti, sarò un dominatore. Non mi sottometterò più a nessuno; nemmeno per Elena! Lei non contraccambia quasi niente di ciò che provo per lei. Non mi stringe nemmeno dopo che ha finito di infliggermi dolore!

Quando ti sentirai meglio, parleremo. Ti lascerò da solo a pensare,” dice e l’ultima cosa che vedo sono i suoi stivali neri che escono dalla scanza.

Mi ritrovo solo nella stanza, mi stringo le parti intime, tiro su le gambe come se potesse sopprimere un po’ del dolore, e mi giro e mi rigiro. Le lacrime mi sgorgano dagli occhi come se avessero volontà propria. Il dolore è grande, e non c’è più piacere. Questo mi fa rotolare sul pavimento come un bambino che vaga senza meta.

Ahia!” atterro sulla schiena cadendo dal letto nell’Heathman Hotel! Il cuore mi sta quasi saltando fuori dal petto per l’incubo che ho avuto. L’incubo riguardava l’ultimo giorno in cui sono stato un sottomesso per Elena, per chiunque.

Mi siedo sul pavimento con il culo dolorante, restando al buio, alzando le ginocchia che mi supportano i gomiti, le mani mi coprono la faccia e si muovono nei miei capelli. Riuscirò mai a passare sopra questi casini di merda? Nemmeno nei miei sogni sono libero! Ecco perché ho scritto delle regole. Ecco perché sono attento ai bisogni delle mie partner, a cosa gli piace e cosa no, così da non ferire nessuno come sono stato ferito io.

Anastasia ha detto che aveva paura che le facessi del male. Non lo farei mai! E ora vuole fiori e cuori. Non so come cazzo fare! Dio solo sa quanto la voglio, quanto la desidero! Cosa devo fare? Come posso arrivare ad un compromesso? Come riuscirò a far funzionare tutto con questa merda che mi aleggia intorno di giorno e di notte? Voglio che funzioni. Non ho mai voluto niente così tanto, così duramente, così ardentemente, fortemente e ostinatamente! Ma quando si tratta di Anastasia, tutte le scommesse sono chiuse. Nell’angolo della mia anima oscura, già so che lei è “di più” per me. Non sono mai stato niente più di un sottomesso o Dominatore per l’ultimo anno della mia relazione con Elena, e dopo che siamo rimasti amici perché condividiamo un passato. Ma, Anastasia è diversa. Lei è diversa da tutti gli altri. Penso che prenderebbe a calci inculo Elena all’infinito dato che già conosco il suo disprezzo per Elena a causa del nostro passato. Potrà essere una ragazza timida, ma c’è una tigre in lei pronta ad attaccare.

L’anno dopo quell’incidente, ho mollato la scuola per iniziare a mettere su la mia società per l’assoluto dispiacere della mia famiglia. Sapevo che non sarei mai riuscito a lavorare per qualcun altro come sapevo che non mi piaceva essere un sottomesso. Sarei stato il mio padrone. Ho fatto una promessa quel giorno: avere il completo controllo della mia vita. Nessuno che mi dice cosa fare, ma dire agli altri cosa fare. Ho fissato i miei obiettivi e li ho messi in pratica.

Obiettivi a lungo e breve termine. Come un giocatore di scacchi, ho calcolato le mie mosse future cinque, a volte sei passi prima. Ho promesso che non sarei mai stato al servizio di qualcun altro, amico o nemico. Sono un realista. Volevo avere successo. Tantissimo! Volevo essere degno dell’affetto della mia famiglia, anche se non so se mi sarei mai potuto sentire al loro livello, dato che sono incasinato dalla nascita, e questo mi disgusta. Odio e aborro me stesso. Forse è il mio tentativo per riscattare la mia anima non riscattabile. Nient’altro che la musica e il pianoforte mi dà conforto.

Ho sentito innumerevoli volte gente che sperava di vincere alla lotteria, o di dare vita a una società, o di ereditare del denaro, o qualche tentativo di diventare ricco, ma nessuna di queste persone aveva degli obiettivi realistici.

Volevo che i miei obiettivi fossero misurabili, calcolabili, con attaccato un tempo stimato di raggiungimento. Dato che già sapevo come prendere il controllo osservando quelli – intendo la mia Signora e chiunque a cui lei mi abbia prestato – che mi hanno controllato tutti quegli anni. Non porto alcun rancore ad Elena. In un certo senso le sono grato per quello che mi ha insegnato, quello che mi ha dato, e per essermi amica. Ma, non tornerò mai più a quella situazione.

Ho imparato come controllare le mie emozioni, i miei sogni, e la mia società per raggiungere l’obiettivo finale – qualsiasi sia la mia mossa successiva.

Ma con tutto quello che sento al momento, ho questa sensazione, come se non ci fosse nessuna mossa successiva quando Anastasia è coinvolta. Lei è sempre nei miei pensieri.

Nella mia professione, come anche nella mia vita privata e nei miei allenamenti, ho fissato i miei obiettivi a lungo termine che dovranno essere portati a termine nei prossimi cinque anni, alcuni obiettivi possono anche raggiungere i dieci anni, oltre. E gli obiettivi a breve termine sono quelli che spero di portare a compimento al massimo nel giro di dodici mesi. Sono misurabili, scritti, e flessibili. Se riesco a conseguire l’obiettivo prima del tempo stimato, allora, riduco il lasso di tempo e aumento le aspettative. Se, invece, procede più lentamente del previsto, cambio i limiti e pospongo la data. Do impiego solo ai migliori, e mi aspetto da loro gli sforzi più immani. Pianifico bene, gestisco bene il mio tempo, e queste sono tutte le parti delle mie azioni riflessive. Non devo pensare due volte a cosa dovrei fare adesso, perché già so quali dovranno essere le mie mosse future.

Perché non riesco ad usare qualcuna di queste abilità quando c’è di mezzo Anastasia? Quando lei è vicino a me, non riesco a pianificare. Quando è lontana da me, come adesso, la mia mente è costantemente occupata da lei come se il mio cervello non avesse altro lavoro da fare! Elena mi ha inculcato che l’amore è un’emozione inutile. Quello che sento per Anastasia non può essere amore! Perché quando sono intorno a lei, trovo il mio scopo. Se l’amore è un’emozione inutile, allora non mi sentirei tanto risoluto. Spesso mi ritrovo perso con lei… Non so cosa dirà, o farà, o come reagirà a qualcosa di semplice o complesso. Ma adoro ritrovarmi in quelle situazioni. Mi sento vivo! Tiro un sospiro di sollievo. Trovo il mio equilibrio. Non sono più perso.

Il giorno in cui è venuta nel mio ufficio e si è ritrovata stravaccata sul pavimento, il cielo di Seattle era desolato e grigio, rifletteva perfettamente il mio stato d’animo. Dopo che ero riuscito ad ottenere quello che mi ero prefissato, niente mi soddisfaceva davvero, e non avevo niente da aspettare con ansia. Nessuna acquisizione mi faceva sentire completo o appagato. Nessuna chiacchierata con Elena, o le visite alla mia famiglia, colmavano il vuoto del buco che cresceva sempre più dentro di me, nella mia anima oscura! I miei hobby del volo o della navigazione riuscivano solo a metterci un cerotto. Avevo un pezzo che mancava al profondo del mio essere. La mia anima era smarrita, e l’ho trovata in lei. Come potrei lasciarla andare? Lei è il mio completamento.

Lei è il mio nuovo proposito. Lei è la mia libertà dalle mie stesse legature. Il suo tornado mi ha reso libero anche se mi dà dolore nel mentre. Come potrei lasciar andare la mia anima quando mi chiama costantemente?

Lei è la mia anima. Lei è il mio scopo nella vita. Lei è ciò che riempie l’abisso, questo buco nero dentro di me. Lei è parte di me. Come potrei lasciarla andare quando è parte della mia anima, parte di me? Penso che la poesia di William Ernest Henley parli perfettamente dei miei sentimenti:

Invictus

Dal profondo della notte che mi avvolge,
Buia come un pozzo che va da un polo all’altro,
Ringrazio qualunque dio esista
Per l’indomabile anima mia.

Nella feroce stretta delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho pianto forte.
Sotto i colpi d’ascia della sorte
Il mio capo è sanguinante, ma indomito.

Oltre questo luogo d’ira e di lacrime
Si profila il solo Orrore delle ombre,
E ancora la minaccia degli anni
Mi trova e mi troverà senza paura.

Non importa quanto stretto sia il passaggio,
Quanto piena di castighi la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima.

William Ernest Henley

In questo momento, il tutto è Anastasia, e nient’altro.

6 thoughts on “Capitolo Bonus #1

  1. dando un’occhiata rapida al contenuto di questo bonus non sono riuscita a collocarlo… di mio pensavo che i bonus stessero alla fine dell’ultimo capitolo, per cui dopo il 30° O.o ma, forse sto sbagliando, vorrà dire che lo leggerò tutto e poi vedrò se sarò riuscita a capirci 😛 🙂

  2. adesso che l’ho letto tutto sono riuscita a dargli una collocata 😛 e quanto é romantico Christian 🙂 <3.<3

    trovo però che la definizione che Anastasia da a Elena sia giusta, perché se anche Christian alla fine ha deciso di troncare il rapporto che aveva con lei un motivo ci sarà stato 😉 e mi trovo pienamente d'accordo con Anastasia, Elena faceva cose troppo dure e troppo sadiche !!! 🙁

    Come può esserci piacere in quello che gli faceva ?!? O.o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*